Budokan San Mauro | Tv e giocattoli ai bambini ricoverati
2864
single,single-post,postid-2864,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Tv e giocattoli ai bambini ricoverati

budofans-arop_1

Tv e giocattoli ai bambini ricoverati

Si rinnova e si rafforza per il secondo anno consecutivo il rapporto di amicizia tra il Budofans di San Mauro Pascoli (genitori del Budokan Karate di San Mauro Pascoli) e l’A.R.O.P. di Rimini (Associazione Riminese Oncoematologia Pediatrica). Sabato 16 settembre Il Budofans ha consegnato, presso la sede del Reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Infermi di Rimini, il frutto di un progetto durato un anno.

La raccolta tappi del progetto “Stappiamoci”, organizzata in collaborazione con i genitori del Budokan, gli atleti e i Maestri Daniele Arcangeli, Andrea Silenzi e Valentina Nicoletti, ha raggiunto un risultato sorprendente. 700 chili di tappi, raccolti e trasformati per un successivo riutilizzo della plastica. Il merito va anche alla partecipazione di amici lontani, esercenti ed aziende locali e simpatizzanti.

I fondi raccolti attraverso la raccolta tappi e la lotteria benefica svoltasi in occasione della cena sociale di fine anno, sono stati destinati per l’acquisto di giocattoli da donare ai bambini e ragazzi in cura.
Inoltre, ha rivestito particolare importanza la consegna di due televisori da destinare alla Casa Ospitalità Arop, un ambiente destinato all’accoglienza delle famiglie dei piccoli pazienti.

Molto emozionante l’incontro in reparto,” commentano Genny Guida e Roberta Biondi portavoce Budofans, “Quello che si è creato con Ester (collaboratrice Arop), Roberto Romagnoli (presidente dell’Associazione), e il Dott. Vergine (direttore del reparto pediatrico) è un rapporto di amicizia che avrà certamente seguito per i prossimi obiettivi. Una ricetta infallibile quella che unisce il Budofans di San Mauro Pascoli e l’Arop di Rimini: 700 kg di tappi di plastica, solidarietà, accoglienza e sorrisi in quantità!

articolo corriere

 

No Comments

Post A Comment